Fimmina

La nostra Sicilia è Fimmina, così come narra la bellissima leggenda di cui abbiamo parlato qualche tempo fa.

Mimose

E le Fimmine siciliane sono sempre state punto di riferimento per il nostro popolo: se ce ne fosse bisogno, è la nostra storia a ricordarcelo.

Basta annoverarne solo alcune, tra le innumerevoli, che si sono distinte per il loro lavoro, coraggio, azioni… per renderci conto di questo fatto incontestabile:

… solo per citarne alcune, che sono fulgido esempio di perseveranza, dignità, coraggio… amore!

Ma le Fimmine di Sicilia, come tutte le Fimmine del mondo, non sono solo quelle “note” ai più o che, immolandosi, sono passate alla storia.

Ci sono Fimmine che combattono la loro battaglia nell’ombra, ogni giorno: tra le mura domestiche, per le strade, nelle scuole, sul posto di lavoro, sui palcoscenici dei teatri come sulle pagine dei giornali o dei libri; da lontanissime terre sperdute oltre oceano, o tra le macerie degli ultimi bombardamenti.

E lo fanno con incredibile coraggio: figli in braccio, a fronte alta e con una grandissima dignità sulle spalle. Loro, le tante Costanza, Franca, Giuseppina, Felicia, Rita, Francesca. Ma anche le innumerevoli Rosalia, Agata, Antonella…

E’ loro che voglio ringraziare: le Fimmine di tutto il mondo… madri, mogli, sorelle, amiche o perfette sconosciute. Eroine silenziose di ogni giorno. Visibili o invisibili… angeli della porta accanto!

Mi sento di dirlo a nome di tutti: grazie Fimmine! ❤️… grazie per ogni singolo giorno della vostra-nostra esistenza!

A Fimmina siciliana

Fimmina Siciliana

Teniru lu cori, comu la mennula chiù fina
di zuccuru la ucca quannu li vasi duna
ca ccu li so carizzi tutta la vita sona
la megghiu di li fimmini è la siciliana.
Timprata di lu focu di nostru mungibeddu
di niuru carbuni e lisciu lu capiddu
scuru e prufunnu l’occhiu ca la biddizza ammustra
ciaurusa la so peddi di zagara e ginestra.
Lu megghiu du so essiri ca pocu si po diri
idda lu duna sulu si tu la sai pigghiari
comu la ficurunia ca assai ti fa giuiri
di lu so gustu duci quannu la sai munnari.
Ma si quannu la cogghi tu tinta la manii
di li so spini fini sicuru ta vardari.
Pirchì ci poi giurari ca pocu t’arricrii
ti pungi nta lu cori e na poi chiù scurdari!

15 Settembre 2014
Catania Maurizio

Lascia un commento