La stazione di Palermo Lolli

La stazione di Palermo Lolli, venne inaugurata nell’ottobre 1891 nella linea ferroviaria Palermo – Castelvetrano – Trapani: questa già progettata nel 1876, per collegare il capoluogo con le aree agricole della Sicilia occidentale.

Stazione Lolli
La vecchia stazione Lolli, in una foto dei primi anni ’70

La storia

La stazione prese il nome dalla via Lolli nei pressi della quale fu realizzata, e conservò tale nome anche dopo il 1910, quando la strada e la contigua piazza vennero ribattezzate e intitolate al sommo poeta Dante Alighieri.

Le origini del nome

Sull’origine del nome “Lolli” si sono formulate varie ipotesi tra le quali, due di queste, sembrerebbero le più accreditate.

Una riguarda l’esistenza in zona di una villa di proprietà della famiglia Lolli, tra i componenti della quale si annovera un noto musicista dell’epoca.

L’altra ipotesi – la più “suggestiva” – parla di un possibile legame della via con il nome di una famiglia malavitosa che abitava in loco. Questa, all’epoca era tristemente nota perchè per lungo tempo ha vessato gli abitanti della zona.

Pare che i componenti di questo “clan” familiare fossero dediti all’estorsione ed alle rapine. Da li, per indicare la zona, quale posto da evitare per i temuti agguati, si cominciò a nominarlo con il nome della famiglia: Lolli, appunto.

Supponendo che questa ipotesi sia effettivamente veritiera, non si comprende per quale ragione, (ma si sa… certe cose sfuggono anche alla logica più banale) la toponomastica del Comune, abbia successivamente adottato proprio il nome del clan, come se si trattasse del nome di un personaggio da celebrare.

In ultimo, anche alla vicina stazione si è destinato lo stesso nome. Fermo restando che entrambe le ipotesi restano, comunque, da verificare ed approfondire.

L’edificio viaggiatori

L’edificio, notevole reperto architettonico-industriale ottocentesco, si compone di una struttura centrale a due livelli con corpo laterale ad una elevazione.

Piazza Lolli
Piazza Lolli con l’omonima stazione e l’omibus a cavalli – da una cartolina dei primi del ‘900

L’intera opera è un progetto degli illustri architetti Andrea Fortunato e Davide Diati.

Le decorazioni e gli affreschi

I soffitti delle sale interne sono decorati da bellissimi affreschi. Altrettanto pregevole era l’elegante pensilina originale, posta sul primo binario, costruita in ferro lavorato e strutture portanti in ghisa, poi sostituita da un’altra di fattura meno pregiata e ancora esistente.

Stazione Lolli - fabbricato viaggiatori
Il fabbricato viaggiatori, lato binari, e la pensilina originale in ferro e ghisa, poi sostituita

Il treno del mare

Per tanti anni, tra il ’50 ed il ’70, i palermitani vissero la stazione Lolli come fermata del treno per il mare. Tantissimi, infatti, utilizzavano il servizio ferroviario per spostarsi verso le località di mare della provincia, molte di queste attraversate dalla ferrovia Palermo – Trapani.

Ferrovia Pa - TP
Un tratto della linea ferroviaria PA-TP in prossimità di Sferracavallo

Infatti alcune fermate, tra le quali Isola delle Femmine e Capaci, soprattutto nei mesi estivi erano le gettonatissime mete domenicali dei palermitani.

Le soste “al volo”

E non era raro che il treno (littorina) facesse anche qualche breve “sosta” fuori programma lungo il tragitto, e sempre in prossimità del mare, agevolando le gitarelle in spiaggia.

Qualcuno ricorderà ancora quelle piccole soste che “sembravano” fatte apposta per accogliere i bagnanti che dovevano rientrare in città, e che salivano sul treno con ancora addosso i costumi bagnati.

Altri tempi!

Il pensionamento della stazione Lolli

Dopo ottant’anni di esercizio, la tipologia di trasporto assunse una sempre maggiore importanza verso il traffico passeggeri, venendo sempre meno quella del trasposto merci.

Questo, grazie anche alla costruzione dell’autostrada PA-TP, che favorì la movimentazione su gomma dei prodotti agricoli verso il capoluogo.

La moderna stazione Notarbarlolo

Così, nel maggio del 1974, seguendo il progetto di rinnovamento e potenziamento delle strutture ferroviarie che porteranno in seguito alla realizzazione del cosiddetto “nodo ferroviario di Palermo“, si inaugurò la nuova stazione di Palermo Notarbartolo.

Comunicato FF. SS del 1974
Comunicato delle FF.SS. del 1974 relativo alla chiusura della stazione Lolli

La nuova stazione, sorta a breve distanza dalla Lolli e costruita su moderne specifiche adatte ai tempi, ha assorbito il servizio passeggeri, e da quel momento la vecchia Lolli è stata declassata e adibita al solo residuo traffico merci.

La stazione Notarbartolo
La moderna stazione Notarbartolo non ancora ultimata – 1972

Questo atto, in pratica, decretò la sua fine. Infatti, di lì a pochi anni, la stazione Lolli venne definitivamente chiusa, e la linea ferroviaria che serviva, e che attraversava buona parte della città, è stata completamente interrata.

Passaggio a livello via Dante - anni '70
Passaggio a livello di via Dante – anni ’70

La nuova soluzione adottata, e agognata da tempo dagli automobilisti, ha eliminato in modo definitivo le interferenze e i disagi che i tanti passaggi a livello, disseminati lungo il suo percorso, creavano all’ormai sostenuto traffico veicolare.

Il film di De Sica

Un episodio da ricordare nella sua storia recente, avvenne nel 1974, quando la stazione Lolli, fu set del film “Il viaggio“, tratto da una novella di Luigi Pirandello, con Sofia Loren e Richard Burton, sotto la direzione dal grande Vittorio De Sica.

Il Viaggio
Una scena tratta dal film di Vittorio De Sica “Il viaggio”, girato alla stazione Lolli nel 1974

Altre notizie sul film di Vittorio De Sica, “Il Viaggio“, del 1974, su Wikipedia

L’abbandono

Rimasta in stato di abbandono da allora, nel 2006 la stazione è proprietà di una società privata che na ha acquisito l’immobile principale e le sue pertinenze.

La vecchia stazione Lolli nel 2016 (© Angelo Trapani)
La vecchia stazione Lolli nel 2016 (© Angelo Trapani)

L’intento era di restaurarla, trasformarne alcune parti in albergo, e le restanti in un museo delle ferrovie. Purtroppo, vicissitudini giudiziarie impedirono la realizzazione dell’intero progetto.

La nuova stazione Lolli

In ultimo, il 22 febbraio 2008 all’interno dell’area della vecchia stazione si inaugura il cantiere del passante ferroviario urbano della città di Palermo.

La nuova stazione Lolli nel 2016 (© Angelo Trapani)
La nuova stazione Lolli nel 2016 (© Angelo Trapani)

Il lotto relativo dell’opera culmina, nel febbraio del 2016, con la realizzazione della nuova stazione metropolitana sotterranea Lolli, proprio nelle vicinanze della vecchia, ormai abbandonata a se stessa e purtroppo, ad una incessante opera di vandalizzazione.

Progetti futuri

Ad oggi, esistono vari progetti per il recupero della vecchia stazione ma, nei fatti, sono tutti rimasti solo sulla carta e nelle buone intenzioni di chi li ha immaginati.

L’ultimo recentissimo proposito riguarda l’università LUMSA, la cui sede palermitana si trova nelle vicinanze dell’area ferroviaria. L’ateneo ha presentato un piano di recupero del parco ferroviario Lolli, con l’intenzione di adibirne alcuni degli edifici ed ex magazzini a sedi di convegni, laboratori e biblioteca pubblica.

Si tratterebbe di un importante nuovo polo culturale che prevede una grande opera di restauro e riconnessione della zona, ormai abbandonata, con il restante tessuto urbano.

Ben venga! Intanto, possiamo solo sperare che si faccia qualcosa, almeno per salvare il salvabile.

Dove si trova?


 1,298 total views,  3 views today

Comments

Lascia un commento